Ente Friulano Assistenza Sociale Culturale Emigranti (EFASCE)

Articolo 1

L'Ente Friulano Assistenza Sociale Culturale Emigranti (EFASCE), sorto nel 1907 come Segretariato dell'Emigrazione per la tutela dei lavoratori dei distretti di Pordenone, Maniago, Sacile, San Vito al Tagliamento e Spilimbergo emigrati nei paesi europei, ispirandosi ai principi cristiani e di aderenza alle esigenze dei tempi, si propone di sviluppare iniziative ed attività di assistenza, di solidarietà e di promozione umana, culturale, sociale e ricreativa nei confronti degli emigrati del Friuli Venezia Giulia, operanti o che hanno operato nel mondo o in altre Regioni italiane, al fine di mantenere vivi ed accrescere, anche fra le giovani generazioni, i valori ed i legami che derivano dalla comune origine, di assecondare i rientri temporanei per motivi affettivi, di studio e di lavoro e d'agevolare il reinserimento nel tessuto sociale ed economico locale di coloro che intendano insediarsi in maniera stabile. Per realizzare tali obiettivi, l'Ente favorisce:

  • la costituzione di Segretariati territoriali nei paesi di residenza dei corregionali, come sedi di aggregazione e come organismi di collegamento con istituzioni enti ed associazioni della Madre Patria, della Regione Friuli Venezia Giulia e degli stessi Paesi ospitanti;
  • l'organizzazione di convegni di studio, di stage professionali e di seminari specializzati per l'approfondimento delle legislazioni dello Stato e della Regione e per la conoscenza delle provvidenze stabilite a favore degli emigranti e dei loro familiari;
  • la promozione di opportunità per il rientro di giovani e di anziani che desiderino visitare o rivedere la terra di origine, anche attraverso scambi tra famiglie;
  • il periodico invio di aggiornate informazioni sulla situazione sociale, economica, culturale e politica dell'Italia, della Regione e delle località d'origine.